In pellegrinaggio alla Porta Santa della Cattedrale

L'apertura della Porta Santa in Cattedrale da parte del vescovo Andrea.
 
 
L'apertura della Porta Santa in Cattedrale da parte del vescovo Andrea.

L’Unità pastorale di San Miniato Basso, Isola e Roffia terrà il pellegrinaggio alla Porta Santa della Cattedrale di San Miniato nel pomeriggio della domenica 10 aprile.

Ritrovo per giovani, anziani e famiglie alle ore 16.00, nella piazza della Misericordia di San Miniato Basso. Chi, per motivi di età o salute, ha difficoltà a camminare, troverà ad aspettarlo una navetta che lo accompagnerà in piazza del Duomo.

A piedi, guidati dal vescovo Andrea, i pellegrini saliranno a San Miniato lungo il tracciato dell’antica via Francigena, seguiti dai volontari della Misericordia.

Grazie al pellegrinaggio si può ottenere l’indulgenza giubilare, ovvero la remissione della pena da scontare in Purgatorio per i peccati commessi. Questi peccati però devono essere stati prima confessati e perdonati. Per questo motivo venerdì 8 aprile, alle ore 21.30, tutti coloro che vogliono partecipare al pellegrinaggio possono celebrare la Confessione nella chiesa della Trasfigurazione.

Il pellegrinaggio si concluderà con l’Eucaristia che il vescovo presiederà, alle ore 18.00, in Cattedrale.

Il gesto simbolico del passaggio dalla Porta Santa dovrebbe essere anche accompagnato da atti di carità concreta che esprimano la conversione del cuore operata dai sacramenti della Confessione e della Comunione. Ciascuno potrà scegliere personalmente quegli atti di bontà che ritiene più opportuni: la riconciliazione con persone con cui non ha buoni rapporti, un aiuto concreto a persone in difficoltà, la visita ad ammalati. Come atto comunitario, saranno destinate alla Caritas le offerte che verranno raccolte durante la Messa in Cattedrale.

Insieme con la Confessione e la Comunione, per ricevere l’indulgenza del Giubileo è necessaria anche la preghiera per papa Francesco e per le intenzioni che egli porta nel cuore per il bene della Chiesa e del mondo intero.

 

Leave a comment